martedì 14 agosto 2012

...ED IO ME TE MAGNO!

Ciao amici e' un po' di tempo che non scrivo a causa di problemi personali ma sono tornata e con l'intenzione di ingolosirvi ancor di piu'! Oggi ho una gran voglia di Amatriciana(non me ne vogliano i cultori di questo gustosissimo piatto)e intendo proporla a chiunque ne abbia voglia. Per 4 persone: -400 gr pasta lunga(a discrezione si possono usare bucatini o vermicelli,meglio se trafilati al bronzo, ma io preferisco la pasta fresca all'uovo che e' particolarmente porosa e assorbe il sugo in maniera perfetta) -1 passata da 1 lt -mezzo bicchiere di vino bianco -300 gr guanciale -pecorino romano grattugiato o a scaglie(semplicemente grattugiato con un attrezzo a fori piu' larghi) -olio extravergine di oliva -cipolla -sale Cominciamo come al solito a mettere l'acqua per la pasta sul fuoco;in una capiente casseruola non troppo alta facciamo riscaldare 4 cucchiai rasi di olio in cui facciamo soffriggere mezza cipolla piccola finemente tritata. quando la cipolla e' trasparente,uniamo il guanciale a tocchetti non troppo piccoli e lo facciamo dorare.Sfumiamo col vino bianco;e' inutile dirvi che migliore e' il vino che impieghiamo per cucinare,migliore sara' il risultato...e cio' vale per tutte le materie prime usate per cucinare un buon piatto. Sfumato il vino uniamo la passata di pomodoro.Facciamo cuocere una trentina di minuti a fuoco dolce,mescolando di tanto in tanto e aggiungendo un po' di acqua se necessita. Quando l'acqua e' in piena ebollizione caliamo la pasta e la togliamo giusto un minuto prima della cottura completa.Teniamo da parte un po' di acqua di cottura e mantechiamo il tutto aggiungendo un po' di liquido se dovesse risultare eccessivamente asciutto. A fuoco spento uniamo il pecorino e vai col movimento di panza(ossia saltare la pasta...e' un'arte!). A me piace, in fase di mantecatura ,unire un po' di basilico spezzettato e qualche chips di pecorino in cima al piatto. Per le chips basta mettere del pecorino grattugiato in una padella antiaderente, aggiungo, rovente;quando si e' sciolto il tutto si capovolge la cialda su un piano e si spezzetta come se fossero chips. A presto!!!

martedì 3 aprile 2012

FATTI PIU' IN LA' UH..UH...


Mentre sul web impazzano ricette e controricette pasquali la sottoscritta pensa gia' alla pasquetta che peraltro e' la giornata che preferisco(non religiosamente intendo).
La pasquetta è la giornata del cazzeggio ove ci si concede all'ozio e al divertimento.
La riflessione sorge spontanea:per alcuni la gitarella fuoriporta è d'obbligo ma la mia visione di giornata di festa è completamente diversa;sveglia tardi,brunch e passeggiata vicino casa.
Per il mio brunch di pasquetta oltre a pizze varie,casatiello,frutta fresca e quant'altro,ho provato a fare una frittata di cipolle al forno che è una vera leccornia(aggiungo:per gli amanti del genere!)
Tutto è nato fortuitamente.Avevo fatto un "incauto acquisto":ben 4 mazzi di cipolle fresche rese allettanti dal prezzo molto conveniente e da un momento di shopping irrefrenabile ma arrivata alla mia dimora le ho guardate con fare dubbioso chiedendomi:"E ora?"
Pensa che ti ripensa la soluzione era tra una genovese e la frittata di cipolle;la prima si fa con cipolle dorate e non mi sarei accontentata del risultato allora ho deciso di fare sta' frittata.
Per una frittata di circa 20 cm di diametro ho utilizzato:
-4 mazzi di cipolle fresche
-4 cucchiai di olio extravergine
-sale
-pepe bianco
-4 uova medie
-150 gr parmigiano
-carta forno
-uno sampo tondo
In una capiente padella facciamo riscaldare l'olio e facciamo stufare le cipolle finche' diventano trasparenti.



Se occorre durante la cottura possiamo aggiungere acqua o brodo.Aggiustare di sale e pepe e accendere il forno a 180°.
Facciamo raffreddare le cipolle e in una terrina battiamo 4 uova insieme al parmigiano;aggiungiamo le cipolle al composto e versiamo il tutto in uno stampo ricoperto di carta da forno(cosi' non abbondiamo con i grassi rivestando la teglia con olio o burro).
Inforniamo a 180° per 20/25 minti;
Vi garantisco un risultato eccezionale!
Sono rigorosamente vietati appuntamenti galanti ma nulla da piu' soddisfazione che un morso di buon cibo!

martedì 28 febbraio 2012

APETIZE YOURSELF


Amici,sono finiti i tempi in cui si invitava qualcuno a pranzo e si cominciava il banchetto(si,perche' almeno da noi a Napoli invitare qualcuno a mangiare a casa eqivale ad allestire un banchetto nunziale)con il solito antipasto.Archiviate prosciutto e mozzarella(che francamente non disdegno ma li proporrei in maniera innovativa)e propinate qualcosa di nuovo,di appetitoso,di fresco!Giustappunto quest'oggi vi posto una ricettina che puo' farvi sbizzarrire in molteplici varianti a seconda dei gusti.
Si tratta di polpettine semplici e veloci da preparare anche in anticipo e da friggere rigorosamente al momento come qualsiasi fritto che si rispetti;
Pane raffermo,verdure grattugiate,cipollina fresca,parmigiano,uova e pangrattato.
Pochi ingredienti per uno stuzzichino pre-...pranzo o cena.
Ammollate il pane in acqua o brodo(400 gr di mollica di pane in mezzo litro di liquido).
Nel frattempo grattugiate una carota,una zucchina e tritate la cipollina fresca.In una padella capiente fate riscaldare due cucchiai d'olio extravergine e cominciate a far soffriggere la cipollina;subito dopo inserite la carota e dopo 2 minuti la zucchina grattugiate e fate saltare(lo scopo di questa operazione è di far saltare le verdure e far perdere loro l'acqua di vegetazione pur tenendole croccanti).
Strizzate bene il pane e aggiungete un uovo,100 gr di parmigiano e le verdurine che nel frattempo avrete fatto freddare.Formate un impasto omogeneo e se vi sembra troppo lento,ossia non ben compatto unite ancora un po' di parmigiano o di pane grattugiato e aggiustate di sale e un po' di pepe bianco.Parcheggiamo in frigo almeno un oretta o ancor meglio con qualche ora di anticipo.Se non avete tempo non temete...vien buono lo stesso.
Per quanto riguarda il fritto vi consiglio di fare una panatura leggera con un uovo battuto e pangrattato o una pastella composta da farina e acqua.Olio bollente,frittura in olio profondo,appena dorate fatele scolare su carta paglia e gustatele caldissime.

mercoledì 22 febbraio 2012

COOKIES MOVIES


Chi resiste a fragranti biscotti appena sfornati con golose gocce di cioccolato?
Da me non fanno in tempo a freddarsi che sono gia' finiti.
INGREDIENTI:
-250 gr farina 00
-1/2 cucchiaio  di bicarbonato
-1 uovo grande
-1 baccello di vaniglia
-1 tavoletta di cioccolato al latte o bianco
-250 gr di zucchero scuro Demerara+50 gr di zucchero semolato
-180 gr burro
Cominciamo col preparare la frolla:disponiamo su un piano la farina unita al bicarbonato a fontana e tagliamo in piccoli pezzi il burro rigorosamente freddo.Cominciamo a lavorare con i polpastrelli il composto;uniamo l'uovo,lo zucchero e il baccello di vaniglia(che aprirete con un coltellino per la lunghezza e gratterete l'interno con tutti i semini).Tagliate a pezzetti il cioccolato(personalmente preferisco quello al latte o bianco ma va bene qualsiasi vi piaccia)e unitelo al composto ma senza lavorarlo troppo.
Accendete il forno a 180° e fate riposare 15 minuti il composto in frigo.Foderate le placche da forno con carta forno bagnata e poi strizzata bene(non solo prende forma facilmente ma non brucia in forno)e formate delle palline con l'impasto.La cosa importante è che le distanziate bene...non crescono ,ma si dilatano in cottura e potrebbero attaccarsi.
Quando il forno arriva a temperatura,infornate le teglie una alla volta per 15 minuti.
Di solito li accompagno a una tazza di the fumante e un bel film o per merenda con un ricco bicchiere di latte
Lo zucchero Demerara e' in cristalli grandi e conferita' al biscotto una croccantezza particolare...piacevole!
Una variante di questi biscotti e' la sostituzione del cioccolato con l'uvetta,magari ammollata nel Marsala o nel Rhum.
 

Lettori fissi

a href="http://www.ilbloggatore.com/" title="Il Bloggatore">Il Bloggatore