lunedì 10 novembre 2014

Torta all'ananas sofficissima

Da tempo volevo fare questa buonissima torta...domenica sera,voglia di dolce;che facciamo?
Vabbe' mo' provo...
Il mio piccolo mi ha aiutata a versare la farina...emozionatissimo!!!


Ho cominciato col foderare di carta forno il fondo di uno stampo a cerniera da 24 cm di diametro.

In un pentolino dal fondo spesso fate sciogliere,a fuoco dolce, 10 cucchiai colmi di zucchero senza girare con mestolame vario ma girando di tanto in tanto la pentola.Una volta ottenuto il caramello foderiamo il fondo dello stampo...attenzione e' lava!!!
Disponiamo le fette di ananas sciroppato nella tortiera(una al centro e le altre intorno a mo' di fiore).
Accendiamo il forno a 180°.
In una capiente terrina mescoliamo in ordine:
4 uova intere
240 gr zucchero semolato.
Facciamo montare i composto finche' non sara' ben schiumoso e bianco.
140 gr burro morbido
1 scatola di ananas sciroppato oppure un ananas fresco mondato e affettato
80 ml latte tiepido.
Incorporiamo le farine mescolate e setacciate:
200 gr farina 00
1 bustina di lievito per dolci
1 bustina di vanillina o un baccello di vaniglia che apriremo per estrarre i semi.
Versiamo il composto sul fondo caramellato e inforniamo per 40/45 minuti(come sempre vale la prova stecchino).
La facciamo intiepidire poi la capovolgiamo sul piatto da portare in tavola;abbiate cura di rimuovere la carta forno con delicatezza.
Ecco il risultato:



Una idea simpatica e' quella di regalarla,magari per Natale (su un bel piatto da portata).

CURIOSITA':volendo,all'impasto possiamo aggiungere 20 ml di Rhum...per rafforzare la nota esotica!!!
RICAPITOLIAMO GLI INGREDIENTI:
4 UOVA
240 GR DI ZUCCHERO SEMOLATO(+ 10 CUCCHIAI PER IL CARAMELLO)
140 GR BURRO
ANANAS SCIROPPATO
80 ML LATTE
200 GR FARINA 00
1 BUSTINA DI LIEVITO PER DOLCI
1 BUSTINA VANILLINA

Buon divertimento!!!

 

martedì 30 settembre 2014

Bruschettone stracchino,rucola e pinoli croccanti.

A chi e' capitato di avere del pane e non sapere cosa farne?A parte le classiche polpette un bruschettone e' l'ideale per un entrée o una merenda goduriosa...
Tostiamo 30 gr di pinoli in una padella antiaderente senza grassi aggiunti.Appena avranno raggiunto una tonalita' marrone chiaro sono pronti per essere tagliati al coltello grossolanamente.
Tagliamo il pane a fette e le facciamo bruscare in forno a 180° non prima di averlo cosparso generosamente con olio extravergine di oliva,sale macinato al momento e ,a chi piace, uno spicchio d'aglio.
Mentre il pane e' in forno in una capiente terrina ammorbidiamo con la forchetta due confezioni di stracchino che condiremo con pepe bianco,rucola "stracciata" a mano,olio extravergine e amalgamiamo anche i pinoli tostati.
Regoliamo di sale e non appena sara' pronto il pane cospargiamo la superficie della crema ottenuta...
 
Bon appetit
 

giovedì 25 settembre 2014

Torta salata di riso senza uova

Va bene lo ammetto...impazzisco per i formaggi!!!
Non ho alcuna preferenza:da quelli piu' delicati e cremosi a quelli dal sapore strong e puzzolenti...per me e' poesia.
Ecco perché il formaggio lo metto dappertutto(l'unica ricetta dove non l'ho messo e' quella della ganache al cioccolato!)
Terminato il delirio "formaggesco" vi racconto questa ricetta  di riciclo ma golosissima.

Per 6 persone:
500 gr di riso
250 ml latte
1.5 lt brodo
200 gr emmenthal
100 gr parmigiano grattugiato
sale
pepe bianco
70 gr burro
2 cucchiai di olio extravergine
20 gr cipolla


Questa ricetta l'ho realizzata(per caso) con avanzi di risotto al parmigiano.
Per il risotto il procedimento e' il classico,ossia facciamo tostare il riso con due anelli di cipolla tritati e 2 cucchiai di olio extravergine o burro chiarificato.
Aggiungiamo il brodo e non ne versiamo altro finche' non e' assorbito ed evaporato il precedente.
A cottura ultimata(il riso non deve essere troppo asciutto e nemmeno una minestrina) mantechiamo con burro,pepe bianco e parmigiano(a fuoco spento).Questa e' una golosissima variante di risotto economica,veloce e cremosa.
Dopo circa mezz'ora,ovviamente, e' diventato tutta una massa per cui ho aggiunto il latte freddo a filo,fino ad ottenere un composto cremoso e fluido.
Non e' necessario aggiungere tutto il latte.
Tagliamo l'emmenthal a tocchi  piccoli e lo incorporiamo al riso.
In alternativa all Emmenthal possiamo usare taleggio,gorgonzola o il vostro formaggio preferito.
Adagiamo il tutto in una teglia da forno,cospargiamo di parmigiano grattugiato e cuociamo a 180° in forno preriscaldato 30 minuti.
La crosticina conferisce un aspetto e un sapore delizioso.
Noi l'abbiamo mangiata cosi' ma potrebbe essere "nobilitata" ad esempio da una crema di asparagi a specchio o una crema di funghi.



Alla prossima!







sabato 20 settembre 2014

Cotolette leggere e croccanti


Dopo gli eccessi vacanzieri e' d'obbligo rimettersi in sesto ma con gusto!
Per 6 persone:
8 anche di pollo disossate
2 uova
pane grattugiato
1 spicchio d'aglio
50 gr pecorino grattugiato
pepe bianco
sale fino
prezzemolo

Uniformiamo lo spessore delle anche di pollo mettendo ogni "fetta" tra due fogli di carta oleata e appiattiamo laddove e' piu' doppia(senza pero' assottigliarle troppo...la bonta' di questa ricetta sta proprio nello spessore della carne.)
Questa operazione permette una cottura uniforme.

Prepariamo la "panure" che fara' da scrigno croccante a questo gustoso piatto:
il pane grattugiato di solito lo preparo con del pane in cassetta(fresco,senza farlo seccare in forno)insaporito con aromi dell'orto a seconda della carne o del pesce che vado a panare.
In questo caso ho frullato il pane in cassetta nel cutter(robot da cucina)con aglio,un filo d'olio extravergine e prezzemolo;alla fine in una terrina ho unito al tutto il pecorino grattugiato ed il pepe bianco.


E' arrivato il momento di panare le anchette (e accendiamo il forno a 180°).
Senza infarinarle le passiamo nelle uova battute poi nel pangrattato saporito premendo bene affinché la panatura cosparga l'intera superfice della carne.
Completata questa operazione disponiamo le cotolette in una teglia da forno, rivestita con cartaforno bagnata e ben strizzata, senza sovrapporle.
 Irroriamo ogni fetta con un filo di olio e inforniamo a 180° 25/30 minuti,finche' si sara' formata una gustosa crosticina croccante e appetitosa.

In questo caso le abbiamo gustate con un goloso gratin di patate ma qualsiasi contorno completa questo piatto che fara' contenti grandi e piccini.
E' dalle cose semplici che nascono piatti che scaldano il cuore.

 

sabato 2 agosto 2014

PRIMO SALE...PRIMO AMORE!

Buondi' amici,
oggi una ricetta facile facile da fare a casa magari aiutati dai vostri bambini.
Il primo sale e' un formaggio freschissimo ottimo per una deliziosa cena fredda estiva.
Gli ingredienti sono:
2 litri di latte fresco intero
un cucchiaino di caglio di origine animale

L'occorrente per la realizzazione:
una capiente pentola alta
un mestolo
una spatola
cestini forati

In una pentola fate riscaldare il latte senza farlo bollire.

Aggiungete il caglio e lasciate riposare 45 minuti(o finche si sara' leggermente solidificato il tutto)
Trascorso il tempo necessario rompete la cagliata con la spatola ricavando pezzi piccoli.

Con un mestolo,colate la cagliata nei contenitori ponendoli in un recipiente che raccogliera' i liquidi.

Dopo circa mezza giornata nei cestini si possono gustare;questa volta ho insaporito il tutto in una salamoia fatta con 150 gr di sale fino in 750 ml di acqua.Fate sciogliere il sale e adagiate le formaggelle 15/25 minuti nella salamoia.

Nel momento in cui le coliamo nelle formette si possono anche insaporire con peperoncino,rucola o quello che piu' vi piace...


In alternativa potete servirle ,fredde, cosparse da un rivolo di miele di castagno come dessert.




sabato 28 giugno 2014

Cartoccio al forno di pasta peperoni e pomodorini con tocchetti di fontina

La pasta si sa e' ,per noi,un must...il piatto nazional popolare per eccellenza;
per questo i modi per gustarla sono svariati e per tutti i palati.
Adoro la pasta al cartoccio ed ho voluto provare anche questa variante,adatta anche a chi non mangia carne.
Per 6 persone:
500 gr pasta corta
3 peperoni(rosso,verde e giallo)
100 gr olive taggiasche
1 spicchio d'aglio
200 gr pomodorini freschi
150 gr fontina
50 ml olio extravergine
2 acciughe salate
sale
peperoncino
basilico
prezzemolo

PER IL SUGO:
Facciamo appena soffriggere l'aglio(schiacciato ma in camicia,quindi senza pelarlo) nell'olio extravergine insieme alle acciughe dissalate e alle olive taggiasche.
Precedentemente abbiamo pulito e tagliato in piccoli pezzi i peperoni e i pomodorini.
Cuociamo i peperoni e i pomodorini nel soffritto ottenuto dapprima a fuoco vivace poi moderato.
Saliamo e facciamo cuocere il tutto per 15/20 minuti.Facciamo in modo di ottenere un composto abbastanza "sugoso".

Lessiamo la pasta e scoliamo a meta' cottura.

Mantechiamo col sugo e poniamo nei cartocci ottenuti da quadrati di carta alluminio a doppio strato(un foglio piu' grande piegato a meta').Cospargiamo con tocchetti di fontina.

Inforniamo per 10 minuti a 170°e serviamo in tavola i cartocci ancora chiusi...che aperti al momento sprigioneranno un profumo fantastico...
BON APETIT

martedì 24 giugno 2014

ITALIANCHURRI (LONTANO PARENTE DEL CHIMICHURRI)


Amici,
quando la famiglia chiede un panino da fast food non posso che accontentarli...
ingredienti di qualita' conferiscono a un pasto "frugale" un sapore unico.

Questa volta i panini li ho acquistati ma in un panificio che rifornisce tutta la zona e che usa ingredienti sublimi...

Per la salsa:
2 pomodori cuore di bue a cubetti privati di semi
5 cucchiai di olio extravergine di oliva
basilico finemente tritato
cipolla rossa di Tropea tritata
1 spicchio di aglio tritato
sale fino
1 cucchiaio di aceto di mele
un cucchiaio di origano fresco
peperoncino macinato al momento (a piacere)

La salsa originale prevede l'utilizzo di aceto di vino,cumino,prezzemolo al posto del basilico e piu' aglio...


Ho grigliato gli hamburger(di buon manzo,con quel po' di grasso che basta) da ambo i lati e ho grigliato leggermente anche il pane;
nell'ordine:pane,hamburger,formaggio Cheddar a fettine,salsa,pane.

 
Assolutamente da provare...magari accompagnato ad una Guinnes ghiacciata
 
S E Z I O N A T O
La patata fritta e' d'obbligo...alla prossima!

 

sabato 7 giugno 2014

Genovese di mare (seppie nostrane con paccheri rigati di Gragnano e cipolle ramate )

L'idea mi e' venuta grazie ad un amico che mi suggeriva di fare una genovese nota per la presenza del polpo...sara' che ci devo mettere sempre del mio ma mi intrigava anche questa variante;

per 6 persone:
1 kg di seppie
600 gr paccheri rigati di Gragnano trafilati al bronzo
50 ml di olio extravergine di oliva
1.5 kg di cipolle ramate di Montoro(sarebbe bello provare anche una rossa)
4 pomodorini datterini
sale
peperoncino
fumetto di pesce 1 lt
mezzo bicchiere di vino bianco secco


Soffriggiamo in olio extravergine una piccola parte di cipolla; aggiungiamo la seppia a pezzi e il vino bianco.
Sfumato il vino adagiamo i pomodorini e  le cipolle finemente affettate sulla seppia,senza girare,e copriamo a filo con il fumetto.
Il fumetto lo ricaviamo con gli scarti(crudi) di pesce .

Facciamo cuocere a fuoco dolce per 1 ora e mezza...diamo cosi' modo alla seppia di ammorbidirsi e alle cipolle quasi di caramellarsi.
Gli ingredienti si sposano miscelandosi completamente...la caratteristica  e' che all'assaggio riusciamo a riconoscere distintamente ogni elemento.
Vi sorprendera'



N.B.
Di solito,quando sfiletto qualsiasi tipo di pesce congelo gli scarti; queste piccole bonta' , accumulate, mi permettono di fare un buon brodo ottimo per la cottura di risotti o ,in questo caso,per la genovese.
Quindi per il fumetto,oltre alle lische,faccio soffriggere leggermente sedano,carota,cipolla,aglio e gambi di prezzemolo.
Tosto bene il tutto senza far bruciare e copro con acqua fredda.Il tutto deve sobbollire circa un ora eventualmente con l'aggiunta di pomodoro(poco);saliamo e filtriamo una volta freddato

 

venerdì 30 maggio 2014

Verdure gratinate al forno

Anche se il caldo quest'anno si fa attendere la voglia di buono ma leggero e' tanta....


Cosa c'è di meglio di un gustoso contorno a cui abbinare magari un secondo piatto di carne rossa o bianca?
Stavolta ho utilizzato la leccarda da forno ricoprendola con carta apposita;ho semplicemente tagliato le verdure ed ho irrorato con olio extravergine,pane grattugiato,pecorino,olive nere,cipollotto tagliato,pepe bianco,sale.
Forno a 180°per 25 minuti e il gioco e' fatto...
a meta' cottura rimestiamo il tutto.

Una semplicita' disarmante;

INGREDIENTI PER 6 PERSONE:
3 peperoni
3 melanzane
2 zucchine
10 pomodorini
200 gr pane grattugiato ...  vero...
100 gr olive nere di Gaeta
50 gr pecorino grattugiato
pepe bianco
sale
olio extravergine
2 cipollotti freschi

Cosa manca...ah una birra ghiacciata, magari una Radler, e la cena e' servita!

Perché ricerchiamo il piacere in piatti esotici e inusuali quando la felicita' e' a portata di mano?



 

martedì 13 maggio 2014

INSALATA TIEPIDA DI MACCHERONCINI ALL'UOVO AI SAPORI MEDITERRANEI

Buongiorno amici,
oggi prepariamo una ricetta veloce, gustosa e saporita.

Per 7 persone:
750 gr maccheroncini all'uovo
400 gr pomodorini
mezzo bicchiere di vino bianco
50 gr rucola
70 gr olive taggiasche
1 cipollotto fresco
50 ml olio extravergine
100 gr pancetta affumicata o guanciale

In una padella mettiamo meta' dell'olio e facciamo soffriggere il cipollotto fresco tagliato sottilmente;
incorporiamo la pancetta e facciamo insaporire.Dopo circa due minuti a fuoco vivace cercando di non far bruciare la cipolla sfumiamo con vino bianco.
Facciamo evaporare l'alcol e spengiamo.
Puliamo i pomodorini,li tagliamo a spicchi e li condiamo con un cucchiaio d'olio e sale.
Sciacquiamo la rucola e la tranciamo.
In una capiente insalatiera uniamo i pomodorini,la rucola,le olive,la pancetta saporita e mescoliamo il tutto nel frattempo che la pasta cuoce.
Questo condimento si puo' preparare anche con anticipo per poi condire la pasta al momento opportuno.Inoltre togliendo la pancetta puo' essere un goloso piatto vegetariano.
Una volta pronta la pasta senza passarla sotto l'acqua fredda come si fa per una consueta insalata di pasta la mescoliamo all'intingolo preparato in precedenza.
Un abbraccio di sapori d'estate,il gusto pungente della rucola che sposa la dolcezza del pomodorino.
Colorata,allegra e invitante...






 

sabato 26 aprile 2014

Parmigiana di melanzane

Chi mangerebbe  ora una porzione di parmigiana alzi la manoooooo...

Non e' una ricetta per stomaci deboli,come scriverebbe il maestro Pellegrino Artusi ma e' tanto buona e vi illustro come farla ovviamente alla mia maniera.

Primo passo:sugo... 2 lt crudo
C'è chi la condisce con il Ragu',chi con un semplice sugo di pomodoro:
di solito metto sul fuoco mezza cipolla finemente tritata(a chi non piace trovare pezzettini di cipolla everywhere,puo' metterla intera e toglierla completamente a fine cottura del sugo)con gambi di basilico spezzati  e poco olio.
Condiamo con sale e da meta' cottura con basilico fresco.

Secondo passo:melanzane(pulizia e cottura) 3 kg
Le melanzane si sciacquano quando non sono state ancora mondate.Tagliamo l'estremita' e a chi non piace troppa"buccia",con un pelapatate puo' eliminare lungo l'ortaggio qualche striscia viola.
Tagliamo in lunghezza le nostre melanzane in fette spesse 1,5 cm circa.C'è chi le mette, prima di cuocerle, in un colapasta facendo uno strato di melanzane e uno sottile di sale grosso fino ad esaurimento delle melanzane,con un peso sopra per una ventina di minuti,sciacquandole successivamente e asciugandole una ad una.Questa operazione ha lo scopo di far eliminare all'ortaggio i liquidi di vegetazione. e conseguentemente l'amaro pizzichio che talvolta contraddistingue la melanzana.
Se per questioni di tempo non potete eseguire questa operazione viene bene lo stesso.
Friggiamo le melanzane in olio di semi;la nota importante e' la leggerezza del fritto.Olio a temperatura e pochi pezzi alla volta sono due punti chiave per non far impregnare le fette.
Man mano che le cuociamo le adagiamo su carta assorbente.

Terzo passo:provola,mozzarella o fior di latte? 700 gr
E' solo una questione di gusto.Devono essere comunque asciutti quindi e' meglio lasciarli qualche ora in frigo.

Quarto passo:montiamo sta' meraviglia!
In una capiente teglia da forno facciamo un primo strato con  il sugo,le melanzane,il latticino scelto a cubetti,parmigiano(150 gr in tutto) , basilico e procediamo cosi' fino all'ultimo strato che sara' solo di sugo,mozzarella e parmigiano.

Quinto passo:la inforniamo?
180° per 35 minuti...una volta freddata decoriamo con basilico fresco.
Mi raccomando:abbiate pazienza e gustatela tiepida
...il giorno dopo e' una delizia!!!

RICAPITOLIAMO GLI INGREDIENTI:
3 kg di melanzane
2 lt passata di pomodoro
20 ml olio extravergine di oliva
1 lt olio di semi di arachidi
basilico
150 gr Parmigiano
700 gr Mozzarella
sale


Una ricetta della tradizione,semplice e sofisticata,
succulento contorno o gustoso piatto unico.

Adatta anche a chi non mangia carne.






 

giovedì 24 aprile 2014

Siamo fritti...!(pollo fritto e accompagnato)

Vi e' mai capitato di aver comprato qualcosa, di pensare a mille modi per cucinarla ma non concludere nulla?
Ecco...due confezioni di petto di pollo intero;economico perché non lavorato ma se si passa di pochi minuti la cottura e' secco quanto la suola di una scarpa(non che l'abbia mai mangiata eh!).
Lo sfiletto per farne cotolette?Naaaaa...sempre la stessa cosa!
Ne faccio una tasca e lo farcisco?Giammai...al piccolo di casa non gusta l'idea...
Ok,vediamo cosa altro posso fare di sfizioso
Perché non fare il pollo fritto?
Di solito per queste preparazioni preferisco la sovracoscia(le anche) che risultano meno asciutte ma infondo questo passa il convento!
Girovagando in rete parlano di latticello...sinceramente non l'ho mai trovato...allora creo un simil latticello con yogurt bianco o panna con succo di limone.
Per 1 kg di bocconcini di pollo tagliati a pezzi piccoli e regolari,per permettere una cottura omogenea,ho usato 300 ml di panna da cucina e il succo di due limoni.
Li lascio macerare in questa miscela 1 ora e mezza girando di tanto in tanto.

Al momento di cuocere in un sacchetto capiente, di quelli per congelare,mettiamo circa 500 gr di farina 00,una bella macinata di pepe bianco e se vi piace prezzemolo tritato;
Padella per cottura in olio profondo(di semi).Infariniamo i pezzi di pollo per bene agitando il sacchetto;prima di immergerli in olio eliminiamo la farina in eccesso.
Li cuociamo qualche minuto fino a doratura e saliamo a fritto completato.
In frittura non metto molti pezzi contemporaneamente,poiche' si abbassa troppo la temperatura dell'olio e non solo compromettiamo la riuscita del piatto perché non si formera' una crosticina croccante ma facciamo assorbire olio al fritto in questione deglutendo "palline di catrame"...
Ho accompagnato il tutto con patate al forno e...la cena e' servita!

Non vi dico i miei figli come hanno gradito...


 

martedì 22 aprile 2014

Biscottini di frolla senza uova

Amici,
mi ha incuriosito questa ricetta della pasta frolla senza uova...titubante prima,sorpresa poi...di una leggerezza disarmante!
Nonostante la considerevole quantita' di burro e' una ricetta fattibile per chi e' intollerante alle uova ma sostituendo il burro in uguale quantita' con una margarina senza grassi idrogenati,va bene anche per chi e' intollerante al lattoso o addirittura vegano!
Insomma...una ricetta adatta a tutti!!!
Ingredienti:
400 gr di farina 00
300 gr burro freddo
180 gr zucchero.
Disponiamo a fontana la farina sulla spianatoia insieme allo zucchero;al centro sistemiamo i pezzetti di burro impastando con i polpastrelli.Si formera' dapprima una "sabbia" poi con il calore delle mani diventera' un impasto come questo
Facciamo riposare almeno un ora in frigo coperta da pellicola trasparente...la quantita' di grasso da far solidificare e' imponente.
Trascorso il tempo di riposo possiamo stendere la frolla ,facendo sempre attenzione ad infarinare il piano;
l'ho stesa con altezza di un cm circa.
L'idea era quella di fare i biscotti occhio di bue pero' con altre forme...a casa mi sto attrezzando con stampini vari e ho usato quello a stella
Ho fatto in modo di ricavare i biscotti "accoppiati" da farcire e con la restante parte mi sono sbizzarrita con i fiorellini...anche farciti con crema alla nocciola...
GOLOSISSIMI
15 MINUTI IN FORNO A 180° (FORNO STATICO)...O COMUNQUE FINO A LEGGERISSIMA DORATURA(CONTROLLATE SEMPRE IL LATO SOTTOSTANTE.
Facciamo freddare bene e farciamo;ho preferito la marmellata di ciliegie ma in base ai nostri gusti possiamo farcire con qualsiasi cosa
Lo zucchero a velo copre ogni imperfezione...
Che ne dite...?

Questi invece sono farciti con la crema di nocciole e granella di mandorle

Friabili,dolci quanto basta,fragranti...qualita' che a un biscotto non possono mancare!

martedì 8 aprile 2014

LA MIA CHEESECAKE





Buondi' amici...
sono molto legata a questa ricetta,poiche' nel tempo l'ho trasformata a mio gusto...in piu' la preparo per occasioni speciali ed e' tanto  che non la faccio.

Arriviamo al sodo...dunque,per lo strato biscotto:
250 gr biscotti Digestive
180 gr burro fuso

Tritiamo i biscotti(mi raccomando non mangiateli tutti...sono buonissimi) ai quali uniamo il burro fuso;
sul fondo di uno stampo a cerniera dal diametro di 24 cm stendiamo il composto non prima di aver rivestito il fondo con la carta forno.
Fatto cio',mettiamo il tutto in frigo a solidificare.

Per la crema che poi cuoceremo in forno:
500 gr formaggio Philadelphia
5 tuorli
5 albumi
180 gr di zucchero semolato

In una terrina uniamo i tuorli con lo zucchero ;quando la massa sara' spumosa,uniamo il formaggio.Da parte montiamo a neve ferma gli albumi e li incorporiamo al composto mescolando dal basso verso l'alto.
Versiamo il tutto sulla base biscotto avendo cura di far colare la crema sul dorso di un cucchiaio capovolto...lo strato di biscotto sottostante e' solido ma e' meglio evitare che si possa rompere.
Preriscaldiamo il forno a 170° e facciamo cuocere 1 ora.Ovviamente ogni forno e' a se...la cottura comunque e' abbastanza lunga perche' lo strato di crema e' alto.
Eccola appena uscita dal forno...
Che profumo...
Farcita:




Possiamo farcire questa delizia come vogliamo...l'ho farcita una volta fredda con una ganache al cioccolato al latte(riscaldiamo 500 ml di panna non zuccherata e vi facciamo fondere fuori dal fuoco 300 gr di cioccolato al latte spezzettato;si puo' anche montare,una volta uniti panna e cioccolato con un frullatore ad immersione per incorporare aria.Fatta questa operazione portiamo a temperatura ambiente e facciamo freddare in frigorifero.)
Chi ama la variante alla frutta puo' stendere un velo sottile di marmellata ad esempio di fragole,e disporre fragole fresche in cima.
Ancora,marmellata ai frutti di bosco e frutti di bosco(anche surgelati).
L'effetto bubble e' dovuto all'albume montato...all'assaggio risulta una consistenza piacevole.A chi non piace ,non monta glia albumi,la crema risultera' compatta ma lo strato sara' molto piu ' basso.
STRAVOLGIMENTO DEI SENSI



sabato 5 aprile 2014

Scaloppine di lonza di maiale agli agrumi

Ciao amici,
sapete quei giorni in cui non avete la piu' pallida idea di cosa portare in tavola?
Capita a tutti noi...di corsa al supermercato ,ho acquistato una lonza che ho fatto tagliare a fette dal macellaio.
Ho pensato subito alle scaloppine...la lonza se opportunamente cucinata e' morbida e succulenta.
Ho infarinato le fette e ho fatto fondere in padella 30 gr di burro insieme a due cucchiai di olio extravergine.
Per le scaloppine sarebbe meglio utilizzare il burro chiarificato(ossia un burro fuso,schiumato,quindi a cui abbiamo tolto quella patina bianca chiamata caseina che in cottura produce fastidiosi puntini neri).

A fuoco alto scotto da entrambi i lati la carne ,insaporendola con sale e pepe.

Piuttosto che deglassare il fondo di cottura con vino bianco o marsala ho pensato di vivacizzare la ricetta premendo un arancio e due limoni;
ho filtrato il succo ottenuto e a cottura ultimata della carne,senza spegnere il fuoco ho versato nella padella "raschiando"dal fondo tutti gli umori della cottura precedente.
Vi assicuro :sono gustosissime,i miei figli le hanno divorate!!!
Morbidezza e sapore...in un abbraccio.


mercoledì 2 aprile 2014

Degustibuskitchen: Pizza c'a' scarola

Degustibuskitchen: Pizza c'a' scarola: Bene...ultimamente mi sto appassionando all'arte bianca ossia quella delle farine in genere e dei lievitati. Ho ancora tanto da impa...

Pizza c'a' scarola

Bene...ultimamente mi sto appassionando all'arte bianca ossia quella delle farine in genere e dei lievitati.
Ho ancora tanto da imparare ma sperimento e condivido!
Fine settimana scorso ho trovato in un ipermercato una farina specifica per le lunghe lievitazioni
Ho fatto l'impasto prima di andare a lavoro...
1 kg di farina,1 bustina di lievito mastro fornaio (bustina grigia),700 ml acqua,3 cucchiai olio extravergine di oliva,20 gr sale fino.Per la farcitura:2 cespi di scarola,50 gr di alici sott'olio,50 gr di pinoli,3 spicchi d'aglio,25 gr uva sultanina,50 gr olive nere denocciolate,100 ml olio extravergine,sale.
Laviamo e mondiamo bene la scarola;soffriggiamo l'aglio spellato con olio,pinoli,uvetta,olive e alici.
Facciamo stufare la verdura coprendo con un coperchio e saliamo.
La pasta ha lievitato solo 10 ore;in frigorifero.
Per confezionare la pizza la caccio dal frigo perche' deve scendere di freddo(in gergo ,deve arrivare a temperatura ambiente)
La stendo nelle teglie 




Disponiamo la verdura fredda e strizzata dai liquidi di cottura e copriamo con un altro disco di pasta.
Con questa dose di impasto possiamo fare anche un altra pizza dal diametro di 25 cm.
Una volta montata la pizza facciamo lievitare il tutto circa 1 ora.
Impostiamo il forno statico(sopra e sotto) a 180° e prima di infornare se piace un risultato grezzo possiamo pennellare la superficie con olio extravergine oppure se vogliamo un risultato piu' raffinato pennelliamo con uovo battuto.
35/40 minuti...meravigliosa!
Un consiglio:durante la cottura giriamo la teglia un paio di volte...permettiamo una cottura uniforme.
Ecco il maestoso ripieno:

Lettori fissi

a href="http://www.ilbloggatore.com/" title="Il Bloggatore">Il Bloggatore