giovedì 13 febbraio 2014

La merenda e' servita...torta moretta farcita con crema al latte

Ciao amici,
chi mi conosce sa che ho una famiglia numerosa e con 4 figli maschi la merenda e' una impresa!
Poiché sto tornando prima da lavoro e  mi piace coccolarli un po' e ho preparato questa base la cui ricetta mi e' stata data ad un corso di cake design e mi si e' rivelata particolarmente utile.
Per la moretta di 22 cm di diametro:
150 gr farina
120 gr zucchero
80 gr burro
3 uova
4 cucchiai cacao amaro in polvere
1 bustina di lievito per dolci
Se vi piace aromatizzata potete aggiungere scorzette d'arancio o semi di vaniglia.

Pre riscaldiamo il forno a 180°.
Con le fruste facciamo montare le uova con lo zucchero,aggiungiamo il burro.Fatto cio' incorporiamo, con un cucchiaio di legno, la farina setacciata insieme al lievito ed al cacao mescolando dall'alto verso il basso.
Imburriamo e infariniamo la teglia e cuociamo il tutto  per 30/35 minuti(come al solito la prova stecchino non mente mai).


Per la crema:
300 ml di panna da montare non zuccherata
250 ml di latte condensato
Montiamo la panna freddissima,magari in un contentenitore altrettanto freddo.
Aggiungiamo il latte condensato a 3/4 di montata continuando a lavorare con le fruste.
Teniamo da parte tutto in frigo.Molte persone aggiungono anche un paio di cucchiai di miele ma secondo me risulta troppo dolce...

Facciamo freddare la torta e tagliamo in due orizzontalmente;farciamo l'interno con la crema e cospargiamo anche l'esterno con la panna .

Somiglia molto ad una nota merenda fresca con la differenza che sappiamo cosa c'e' dentro...
Non ho curato molto l'aspetto perché avevano fame...infatti e' stata spazzolata subito!!!
 

martedì 11 febbraio 2014

Tartare di salmone affumicato


Buondi' amici,
oggi ricetta veloce veloce ma tanto buona...per un entrée, magari servita  in cucchiai monoporzione, e' l'ideale.
Per 4 persone occorrono:250 gr salmone affumicato,il succo di 1 arancio,1 arancio da pelare a vivo,olio extravergine,mezza cipollina fresca,misticanza,anelli di cipolla rossa,1 fettina di arancio,pepe bianco.
Tritiamo a coltello il salmone...mi raccomando mai al mixer !
Premiamo l'arancio e lo passiamo;creiamo una emulsione mettendo in un barattolo chiuso il succo,sale  e l'olio e scuotiamo il tutto qualche minuto...il risultato sara' di una cremina fluida grazie alla quale condiremo il salmone e l'insalatina.
Tritiamo sottilmente la cipollina e peliamo a vivo l'arancio ossia tagliamo la buccia seguendo la linea naturale del frutto e facendo attenzione ad eliminare tutta la parte bianca che risulta amara.Successivamente separiamo gli spicchi pelando nuovamente tra l'uno e l'altro.
Otterremo spicchi perfetti e pelati da incorporare al composto di salmone.
Conuna meta' di emulsione condiamo l'insalatina (aggiustando anche di sale).
Componiamo il piatto mettendo alla base un po' di insalata ,poniamo al di sopra la fettina di arancio,con uno stampo ad anello formiamo un piccolo cilindro di tartarre
 e lo disponiamo sulla fetta ,irroriamo il tutto con la rimanente emulsione ;disponiamo gli anelli di cipolla e cospargiamo di pepe bianco macinato al momento...deliziatevi!
 
Basta poco a dar vita emozionando ogni senso...
 

sabato 8 febbraio 2014

Cuor di ceci con gamberi ,pasta di gragnano e rosmarino

Salve amici,
questa delizia e' nata per caso;
nonostante il binomio terra mare sia ormai piu' che usato in cucina,ho pensato di arricchire una gustosa e classica  pasta e ceci con il sapore corposo e inconfondibile dei gamberi.
Una sera d'inverno,voglia di qualcosa che scaldi l'anima,leggero e allo stesso tempo soddisfacente:ecco cosa propongo oggi.

L'ideale sarebbe mettere a bagno i ceci la sera prima in acqua e bicarbonato(basta coprire i ceci con acqua a filo e un cucchiaino di bicarbonato)e farli cuocere magari nella pentola a pressione una quarantina di minuti.
Altrimenti vanno benissimo anche i ceci in scatola gia' cotti purche' si sciacquino.
In una pentola facciamo soffriggere a fuoco dolce 2 cucchiai di olio extravergine con un rametto di rosmarino fresco insieme ad uno spicchio d'aglio,magari privato dell'anima,ossia quel filo verde al suo interno.
Eliminiamo gli odori e facciamo insaporire i ceci prima da soli poi con una tazza di brodo (che abbiamo ottenuto facendo tostare le teste dei gamberi insieme ad aglio,cipolla,carota,olio extravergine e fatto sobbollire con 500 ml d' acqua per 30/40 minuti).
Nel frattempo riduciamo i gamberi a piccoli bocconcini;per questa preparazione ne occorreranno 5.
Aggiustiamo di sale;per due persone possiamo cuocere 200 gr di pasta...poiché la pasta di gragnano richiede piu' liquido in cottura,possiamo tenere sul fuoco un pentolino con acqua bollente salata nel caso in cui asciughi troppo.
A cottura ultimata inseriamo i bocconcini di gambero che cuoceranno col calore del composto mantecando a fuoco spento come se fosse un risotto insieme a un cucchiaio di olio extravergine.
In questo caso ho pensato di presentare il piatto inserendo una porzione in un coppa pasta a forma di cuore.

Lasciatevi cullare da un meraviglioso sapore....

Lettori fissi

a href="http://www.ilbloggatore.com/" title="Il Bloggatore">Il Bloggatore